Non categorizzato

Principali problemi sulla sicurezza delle macchine

Introduzione

La norma UNI EN ISO 12100:2010 propone una metodologia attraverso la quale vengono individuati i pericoli presenti durante il ciclo di vita di una macchina, valutati i rischi specifici associati al funzionamento della macchina e viene determinato se le misure di sicurezza adottate sono sufficienti ad ottenere un’adeguata riduzione del rischio.

Per definire le misure da adottare per eliminare i pericoli e/o ridurre i rischi presenti, al fine di garantire che le macchine siano utilizzate in modo sicuro, è necessario che vengano individuati i potenziali pericoli che possono essere presenti sulla macchina durante tutte le fasi del suo ciclo di vita, ovvero:

  • trasporto;
  • montaggio;
  • installazione;
  • messa in servizio;
  • uso (automatico e/o manuale);
  • smontaggio;
  • messa fuori servizio.

È necessario definire quali sono le operazioni da effettuare sulla macchina e chi sono le persone atte alla loro esecuzione.

Rischi connessi all’utilizzo delle macchine

Il prospetto B.1 della norma UNI EN ISO 12100:2010 raggruppa i pericoli per tipologia:

  • percoli di natura meccanica;
  • pericoli di natura elettrica;
  • pericoli di natura termica;
  • pericoli generati dal rumore;
  • pericoli generati da vibrazioni;
  • pericoli generati da radiazioni;
  • pericoli generati da materiali/sostanze;
  • pericoli di natura ergonomica;
  • pericoli associati all’ambiente in cui la macchina è utilizzata;
  • combinazioni di pericoli.

Per ciascuna tipologia di pericolo viene indicata la possibile origine e le potenziali conseguenze, ovvero i rischi a cui le persone sono, o possono essere, esposte durante tutte le fasi di vita della macchina. È importante che questi rischi siano valutati e che siano adottate misure di sicurezza appropriate, come ad esempio la fornitura di dispositivi di protezione individuale (DPI) o la creazione di zone protette intorno alla macchina.

Indicazioni su possibili modalità da utilizzare per proteggere le macchine e ridurre i rischi presenti vengono date dalle “norme” che hanno lo scopo di definire un “livello comune” di sicurezza che permette ai fabbricanti di determinare se le misure adottate sono sufficienti o meno. Le norme hanno carattere volontario e non costituiscono in alcun modo un vincolo che possa limitare la libera progettazione della macchina.

Problemi di sicurezza nella progettazione e costruzione delle macchine

Problemi relativi alla sicurezza sulle macchine che possono portare gli operatori ad un utilizzo non sicuro, possono essere causati da:

  • progettazione e/o realizzazione non adeguata, ad esempio errato posizionamento dei comandi, neutralizzazione dei ripari per la ricerca di un maggior rendimento in termini di produzione o assoluta mancanza dei ripari;
  • manutenzione, ordinaria e/o straordinaria, che non rispetta le modalità e le tempistiche riportate all’interno del manuale d’uso e manutenzione;
  • mancata o insufficiente formazione degli operatori relativamente al corretto utilizzo delle macchine

La direttiva macchine 2006/42/CE sottolinea l’importanza della progettazione e realizzazione delle macchine in conformità ai requisiti essenziali di salute e sicurezza riportati all’interno dell’allegato I.

La direttiva macchine 2006/42/CE, al requisito §1.1.2, definisce i principi di integrazione della sicurezza, ovvero stabilisce una metodologia di base a cui il costruttore deve attenersi per progettare e costruire macchine sicure.

Principali problemi sulla sicurezza delle macchine Leggi tutto »

New Machinery Regulations: amendments of March 2022

On March 31, 2022, the compromise text of the French Presidency of the proposal for the new Machinery Regulation was published.

The new Machinery Regulations will replace the Machinery Directive as we have described in the dedicated blog article where you can also download the text of the proposal of April 21, 2021.

Main news of the text of the Machinery Regulations

The new text of March 31, 2022 (further modification of the texts published on January 17 and 28, 2022 and February 9 and 25, 2022) has made numerous NEWS and CHANGES to the original proposal of April 21, 2021, among which the main ones are:

  • distinction between machines, related products (interchangeable equipment, safety components, chains, ropes and belts, removable mechanical transmission devices) and partly completed machinery which are all products subject to the regulation;
  • modification of the definition of "security component", which can be physical, digital or mixed in nature;
  • introduction of the definition of "safety function": function which serves to implement a protective measure, to eliminate or, if not possible, to reduce risks and whose absence may lead to an increase in risks;
  • modified the definition of "substantial modification", i.e. a modification of machinery or a related product by physical or digital means after it has been placed on the market or put into service, which is not envisaged by the manufacturer and changes its original specific application and purpose and which affects its safety by creating a new risk or increasing an existing one and requires additional guards or protective devices, the control of which alters the existing safety-related control system, or requires additional protective measures to ensure the stability or mechanical strength of the machinery;
  • specified that if the substantial modification has an impact on the safety of a part of an assembly, the person making the modification is considered to be the manufacturer only for the affected part of that assembly;
  • clarified the obligations concerning instructions when provided in digital format:
    • indicate on the machine and in an accompanying document how to access the digital instructions;
    • clearly describe which version of the instructions corresponds to the machine model;
    • present the instructions in a format that allows the end user to download them and save them on an electronic device so that it can access it at any time, in particular during a machine breakdown; this requirement also applies to machinery where the instruction manual is incorporated in the software of the machine itself;
    • make them available online during the expected life cycle of the machine or related product and for no less than 10 years after the product is placed on the market;
    • provide them free of charge in paper format at the request of the buyer;
  • modification of the procedure for assessing the conformity of partly completed machinery:
    • partly completed machinery must be designed and built in compliance with the relevant essential health and safety requirements;
    • procedures must be implemented to ensure the conformity of partly completed machines produced in series; manufacturers must take into account changes in the production process, in the characteristics of the partly completed machinery and changes in harmonized standards or common specifications;
    • the partly completed machinery must bear the indication of information that allows its univocal identification and the name and address of the manufacturer;
    • the assembly instructions and the EU declaration of incorporation can be provided in digital format; however, at the request of the purchaser, the assembly instructions must be provided free of charge in paper format;
    • the assembly instructions and the EU declaration of incorporation must be in a language easily understood by the person incorporating the partly completed machinery, as determined by the Member State concerned;
  • clarification of the obligations for importers and distributors of machines or related products ;
  • insertion of obligations for importers and distributors of partly completed machinery ;
  • clarifications on "Common (technical) specifications" that can be adopted by the commission in the absence of harmonised standards and on the role of interested parties in the process of drafting these specifications; if a harmonised standard covering the same aspects as a common specification is published, the harmonised standard replaces the common specification;
  • indication of the purpose and content of the EU declaration of incorporation for partly completed machinery:
    • certify that compliance with the applicable essential health and safety requirements has been demonstrated;
    • it must be translated into the language or languages required by the Member State in which the partly completed machinery is placed on the market;
    • if a partly completed machinery is subject to several Union acts requiring an EU declaration of conformity, the EU declaration of incorporation includes a declaration of conformity with these Union acts;
  • divided the list of products in Annex I (former Annex IV of Directive 2006/42 / EC) into part A and part B, with two different conformity assessment procedures described in article 21;
  • partially modified some essential health and safety requirements of Annex III;
  • addition letter C to Annex IV concerning the relevant technical documentation for substantially modified machines;
  • addition letter C to Annex V concerning the EU declaration of conformity for substantially modified machines;
  • addition letter B to Annex VI concerning internal production control for partly completed machinery;
  • added Annex IXa concerning the conformity assessment procedure based on unit verification;
  • the contents of the assembly instructions for partly completed machinery are indicated in Annex X.

Regolamento Macchine - Testo di compromesso della presidenza - 31.03.2022

Regolamento Macchine - Testo di compromesso della presidenza - 25.02.2022

New Machinery Regulations: amendments of March 2022 Leggi tutto »

Marcatura e conformità di prodotto all’estero: come funziona ?

Mentre i prodotti, soggetti a direttive, per essere immessi in commercio devono rispettare le regole per la marcatura CE previste dalla direttiva specifica applicabile, in particolare i macchinari sono soggetti a direttiva macchine, quando si vendono prodotti in altri paesi, extra UE, bisogna verificare i regolamenti e leggi locali.

Nel nostro sito sono disponibili molti articoli sull'argomento.

In particolare potrai trovare un articolo ed un video dedicati per le macchine destinate al mercato nordamericano (UL, CSA).

In un altro articolo pagina, che teniamo continuamente aggiornata, c'è spiegato cosa succederà con Gran Bretagna (Inghilterra, Scozia e Galles) ed il nuovo marchio UKCA.

Infatti dal 1° gennaio 2021, è entrata in vigore una nuova tipologia di marcatura denominata UKCA (UK Conformity Assessed), che è il corrispettivo della nostra marcatura CE, in inglese. È previsto un periodo di transizione fino al 31 dicembre 2022 in cui in Gran Bretagna verrà riconosciuto il marchio CE senza necessità di dover fare altro (questo vale per le macchine e la maggior parte dei prodotti).

Se esporti in CINA per  molti prodotti bisogna considerare il marchio CCC; mentre per vendere in Brasile bisogna rispettare il Regolamento NR12.

Gli adempimenti previsti dal regolamento NR12, per il Brasile, si possono classificare in tre categorie principali:

  • requisiti di sicurezza della macchina (strutturali, funzionali, ecc.);
  • requisiti di sicurezza legati all’utilizzo della macchina;
  • requisiti documentali.

A loro volta questi adempimenti e prescrizioni possono essere:

  • destinati al datore di lavoro che mette la macchina o l’attrezzatura a disposizione dei propri lavoratori;
  • destinate (direttamente o indirettamente) al fabbricante della macchina o attrezzatura.

Pertanto ai costruttori di macchine che esportano macchine in Brasile è richiesto di progettare la macchina effettuando un’analisi dei rischi conformemente alle norme tecniche e ai requisiti specifici della Norma Regulamentadora NR12.

E' molto importante anche considerare le problematiche di chi acquista macchine direttamente all'estero per utilizzo nel mercato comunitario. Spesso si creano situazioni molto critiche che possono anche vanificare il risparmio effettuato con l'importazione diretta.

A questi casi purtroppo si applica il Regolamento 2019/1020 .

Infatti il 16 luglio 2021 è diventato operativo il regolamento (UE) 2019/1020, che ha introdotto importanti novità per gli operatori economici responsabili dell’immissione sul mercato di prodotti soggetti a molti regolamenti e direttive europee, tra cui la direttiva macchine.

I prodotti di cui sopra possono essere immessi sul mercato dell’UE solamente da un operatore economico, individuato secondo i criteri descritti nel regolamento (UE) 2019/1020, che può essere:

  • un fabbricante;
  • un importatore;
  • un rappresentante autorizzato (la direttiva macchine usa il termine “mandatario”);
  • un fornitore di servizi di logistica.

In questo articolo troverai tutto quanto è di nuova responsabilità dell'importatore

Marcatura e conformità di prodotto all’estero: come funziona ? Leggi tutto »

Linee Guida alla Direttiva ATEX 2014/34/UE: nuova edizione 2020

LINEA GUIDA ATEX 2020

La direttiva ATEX 2014/34/UE è la direttiva di prodotto che riguarda gli apparecchi che sono destinati a lavorare in atmosfera potenzialmente esplosiva.

Queste atmosfere possono essere generate sia da gas, vapori e nebbie infiammabili che da polveri combustibili. Avendo tali apparecchi questa destinazione d’uso, devono essere progettati e fabbricati in modo da non presentare sorgenti di innesco che siano in grado di accendere tali atmosfere.

Come per altre direttive di prodotto, anche per la direttiva ATEX , esistono delle Linee Guida per aiutare nell'applicazione della direttiva stessa

E' importante ricordare che le Linee Guida sono pensate come un manuale, rivolto a tutti coloro che devono interfacciarsi con la direttiva ATEX.

Le Linee Guida alla direttiva ATEX 2014/34/UE ATEX chiariscono quindi alcuni aspetti della direttiva ATEX e devono essere utilizzate, oltre che con la direttiva, insieme al documento “Guida Blu all'attuazione della normativa UE sui prodotti”.

La nuova edizione delle linee guida alla direttiva ATEX, pubblicata a maggio 2020, presenta alcune modifiche, che troverai illustrate qui sotto, rispetto alla seconda edizione precedente.

Questa terza edizione include gli accordi che sono stati raggiunti durante gli incontri del gruppo di lavoro ATEX che si sono tenuti tra il 2018 e il 2019.

Le modifiche principali riguardano i seguenti aspetti:

  • precisazioni circa l’obbligo per i fabbricanti di fornire alcuni documenti su supporto cartaceo (ad esempio la dichiarazione di conformità UE) e la possibilità di fornirne degli altri in formato elettronico (ad esempio istruzioni non relative alla sicurezza);
  • aggiunta di un ulteriore esempio chiarificatore relativo alla procedura di certificazione per apparecchi di categoria 2 e 3;
  • aggiunta la possibilità di marcare un componente Ex con la specifica marcatura prevista dal modo di protezione;
  • aggiunta di precisazioni circa l’applicazione della direttiva ATEX insieme alla direttiva PED (2014/68/UE) e alla direttiva serbatoi semplici a pressione (SPVD).

Scarica le Linee Guida ATEX 2020

  • La selezione della casella di spunta è indispensabile per l'iscrizione.
  • Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.

Linee Guida alla Direttiva ATEX 2014/34/UE: nuova edizione 2020 Leggi tutto »

Direttiva ATEX 2014/34/UE: il significato delle scritte della marcatura ATEX

Ogni informazione contenuta nella marcatura ATEX ha un significato ben preciso.

In questo articolo vogliamo spiegarti qual è il significato delle informazioni contenute all’interno della stringa di marcatura ATEX al fine di non commettere errori nella scelta di un apparecchio acquistato in commercio o nel marcare ATEX un apparecchio che produci.

ATEX: significato

Il termine ATEX è l'acronimo di ATmosfere EXplosives e si riferisce alla direttiva 2014/34/UE ovvero  la direttiva di prodotto che riguarda gli apparecchi che sono destinati a lavorare in atmosfera potenzialmente esplosiva. Per questi apparecchi è prevista una classificazione che si basa su diversi fattori.

Le atmosfere esplosive infatti possono essere generate sia da gas, vapori e nebbie infiammabili che da polveri combustibili. Avendo tali apparecchi la destinazione d’uso di andare in atmosfera esplosiva, devono essere progettati e fabbricati in modo da non presentare sorgenti di innesco che siano in grado di accendere tali atmosfere.

Nell'articolo precedente sulla direttiva ATEX, pubblicato in questo blog,  abbiamo visto il significato delle prime informazioni riportate nella stringa di marcatura.

Vediamo ora il significato delle altre informazioni in essa contenute e che devono essere sempre presenti.

Marcatura  ATEX: esempio

Un esempio di marcatura ATEX è:

II 2G Ex pxb IIB T6 Gb

 II 2D Ex pxb IIB T85°C Db

Leggere la marcatura ATEX

La prima informazione, che segue la categoria dell’apparecchio, fa riferimento al modo di protezione (nella marcatura di esempio “Ex pxb”);  queste informazioni indicano le misure specifiche che sono state applicate per evitare che l’apparecchio possa innescare l’atmosfera esplosiva che lo circonda.

La dicitura prevede che ci sia sempre la “Ex” seguita da diverse lettere; le prime di queste definiscono il modo di protezione.

I modi di protezione ATEX

La normativa prevede diversi modi di protezione applicabili. Qui di seguito vediamo tutti i modi possibili:

  • “d” involucri a prova di esplosione;
  • "e" sicurezza aumentata
  • "i" sicurezza intrinseca
  • "m" incapsulamento
  • "n" differenti modi di protezioni applicabili ad alcune apparecchiature specifiche
  • "o" immersione in olio
  • "op" protezione delle radiazioni ottiche
  • "p" pressurizzazione
  • "q" riempimento pulverulento
  • "s" protezione speciale
  • "t" tenuta alla polvere
  • "h" protezione non elettrica

Nella stringa di esempio il modo di protezione indicato è quello a pressurizzazione.

Le lettere che nella stringa di marcatura seguono quelle qui sopra riportate, definiscono il livello di protezione dell’apparecchio; la codifica è definita dalla norma relativa allo specifico modo di protezione.

Codifica ATEX - Gruppi di gas e polveri

Subito dopo il modo di protezione è riportato il simbolo del gruppo del gas o delle polveri che generano l’atmosfera esplosiva all’interno della quale può essere utilizzato l’apparecchio:

  • IIA: ad esempio acetone, alcool etilico, ammoniaca, benzina, gas naturale, solventi in generale
  • IIB: ad esempio acetaldeide, ciclopropano, etere etilico, etilene;
  • IIC: ad esempio acetilene, idrogeno, solfuro di carbonio
  • IIIA: particelle solide combustibili (dimensioni nominali superiori a 500 mm)
  • IIIB: polveri non conduttive (dimensioni nominali inferiori o uguali a 500 mm e resistività elettrica superiore a 103 Wm)
  • IIIC: polveri conduttive (dimensioni nominali inferiori o uguali a 500 mm e resistività elettrica inferiore o uguale a 103 Wm)

Le sostanze che generano le atmosfere esplosive sono tanto più critiche quanto più ci si sposta dalla lettera A alla lettera C. Gli apparecchi realizzati per lavorare con sostanze più critiche possono essere impiegati anche con sostanze che lo sono meno, ad esempio un apparecchio marcato IIC può essere utilizzato in atmosfere esplosive generate da qualsiasi tipo di gas o vapore, oppure un apparecchio marcato IIIB può essere usato anche in atmosfere esplosive generate da particelle solide combustibili.

Massima temperatura superficiale

Nella stringa di marcatura segue poi l’indicazione della massima temperatura superficiale che può essere raggiunta dall’apparecchiatura nel suo punto più caldo.

Per le apparecchiature destinate ad atmosfere esplosive generate da gas e vapori, questa informazione viene indicata dalla lettera “T” seguita da un numero compreso tra 1 e 6, indicante la classe di temperatura. La temperatura corrispondente alla specifica classe è indicata in tabella.

Classe di temperatura Massima temperatura superficiale
1 450°C
2 300°C
3 200°C
4 135°C
5 100°C
6 85°C

Per le apparecchiature destinate ad atmosfere esplosive generate da polveri invece, viene indicata a lettera “T” seguita dalla massima temperatura superficiale raggiunta dall’apparecchiatura.

Livello di protezione dell’apparecchio (EPL)

Come ultima informazione viene riportato il livello di protezione dell’apparecchiatura (EPL).

Questo definisce la sua probabilità di diventare una sorgente di accensione. La codifica prevede sempre due lettere: la prima, scritta in stampatello maiuscolo, può essere una “G” se l’apparecchio è destinato a lavorare in atmosfere esplosive generate da gas, vapori o nebbie, oppure una “D” se l’atmosfera esplosiva è costituita da polveri.

La seconda lettera invece, definisce fino a che tipo di zona l’apparecchio può essere utilizzato: “a” fino alle zone 0 e 20, “b” fino alle zone 1 e 21, “c” solo per zone 2 e 22.

Marcatura ATEX di apparecchi non elettrici

Gli apparecchi non elettrici hanno la stessa marcatura di quelli elettrici. Infatti quanto riportato nell’articolo vale per entrambe le tipologie di apparecchi.

Alcuni modi di protezione sono applicabili solo ad apparecchi elettrici ed altri solo a quelli non elettrici.

Nuova normativa ATEX

La direttiva 2014/34/UE (“direttiva ATEX”) è entrata in vigore il 20 aprile 2016 ed ha sostituito la direttiva 94/9/CE.

Nel 2020 è uscita una nuova linea guida per l'applicazione della direttiva ATEX. Se sei interessato a leggerla potrai scaricarla QUI. 

Direttiva ATEX 2014/34/UE: il significato delle scritte della marcatura ATEX Leggi tutto »

Torna in alto