Ernesto Cappelletti di Quadra docente per la formazione degli ispettori dell’ATS Brianza

Siamo felici di essere stati scelti da ATS Brianza per il progetto di Formazione Continua degli ispettori dell’ATS Brianza sulla sicurezza delle macchine industriali, i giorni 5 e 6 giugno 2019, presso la sede di Desio dell’ Agenzia di Tutela della Salute (ATS) della Brianza , Dipartimento di Igiene e Prevenzione Sanitaria – UOC Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro.

Abbiamo formato personale ATS, per un totale di 25 persone, appartenenti alle seguenti figure professionali: medici del lavoro, tecnici della prevenzione, infermieri, assistenti sanitari, chimici.

I principali argomenti trattati sono stati:

Prima giornata mattino

  • Tipi di norme (A, B1, B2, C)
  • Elementi intrinsecamente sicuri (norma UNI EN 415-10)
  • Costruzione e posizionamento dei ripari (norme UNI EN ISO 13857, UNI EN ISO 13855)
  • Progettazione e costruzione dei ripari fissi e mobili (norma UNI EN ISO 14120)
  • Interblocchi dei ripari (norma UNI EN ISO 14119)
  • Spazi per evitare lo schiacciamento del corpo (norma UNI EN 349)
  • I dispositivi di protezione sensibili (norme UNI EN ISO 13855 e CEI EN IEC 62046)
  • Barriere fotoelettriche
  • Laser scanner
  • Tappeti sensibili
  • Ripristino dei circuiti di comando
  • Comandi a due mani (norma UNI EN 574)
  • Arresti di emergenza (i requisiti della nuova edizione della norma UNI EN ISO 13850)

Prima giornata pomeriggio

  • Equipaggiamenti pneumatici (norma UNI EN ISO 4414)
  • Equipaggiamenti oleoidraulici (norma UNI EN ISO 4413)
  • Temperature superfici (norme UNI EN ISO 13732-1, UNI EN ISO 13732-3)
  • Prevenzione dell’avviamento inatteso e sezionamento delle alimentazioni di energia (la nuova norma UNI EN ISO 14118)
  • Procedure per il sezionamento delle alimentazioni in manutenzione (LOTO)
  • cenni alla nuova norma UNI EN ISO 14118 “Sicurezza del macchinario – Prevenzione dell’avviamento inatteso”
  • cenni al regolamento OSHA 29 CFR 1910.147 “The control of hazardous energy (lockout/tagout)”
  • cenni alla norma ANSI/ASSE Z244.1 “Control of hazardous energy lockout/tagout and alternative methods”
  • Scale, piattaforme, passerelle (i requisiti della nuova edizione delle norme della serie UNI EN  14122)
  • Segnali di sicurezza (norma UNI EN ISO 7010)

Seconda giornata mattino

  • Metodologia valutazione dei rischi secondo UNI EN ISO 12100
  • Gestione dei rischi residui (avvertenze, procedure di sicurezza, DPI)
  • Cenni delle norme UNI EN ISO 13849-1 e UNI EN ISO 13849-2 sui circuiti di comando con funzioni di sicurezza e sul software con funzioni di sicurezza.

Seconda giornata pomeriggio

  • Presentazione e discussione di casi di infortunio preparati dalla ATS Brianza.

Condividi ora!

Torna su