Progetto di modifica alla norma EN ISO 13849-1

Il 19 maggio 2015 si è chiusa con esito positivo la votazione del progetto di modifica alla norma ISO 13849-1:2006/FDAM 1:2015 (EN ISO 13849-1:2008/FprA1).
La modifica alla norma riguarderà parecchi aspetti, tra cui citiamo:

  • precisazione dell’applicabilità della norma solamente ai circuiti di comando che intervengono almeno una volta all’anno (“high demand mode” o “continuos mode”);
  • introduzione del concetto di componenti “proven in use”;
  • indicazione della necessità, se del caso, di considerare le funzioni in presenza ed in assenza di alimentazione esterna;
  • modifica del criterio suggerito per la selezione di F nella stima del PLr;
  • introduzione del criterio di occorrenza nella stima del PLr;
  • chiarimento sulla valutazione dei pericoli che si possono manifestare simultaneamente;
  • innalzamento a 2500 anni del massimo valore di MTTFD per circuiti in categoria 4;
  • introduzione della possibilità di utilizzo di un concetto simile al B10D per componenti idraulici;
  • maggiori spiegazioni sui criteri di scelta dei valori tabulati di copertura diagnostica;
  • precisazioni sul comportamento dei circuiti di categoria 2;
  • possibilità di stimare il PL nel caso in cui non siano disponibili i valori di MTTFD/B10D dei componenti di uscita meccanici, pneumatici e oleoidrauici;
  • precisazione sui criteri di assegnazione del punteggio per le CCF.

La norma EN ISO 13849-1 è il riferimento fondamentale per la progettazione dei circuiti di comando aventi funzioni di sicurezza, quindi la sua modifica avrà un impatto significativo sui costruttori e utilizzatori di macchine.

Condividi ora!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su