Marcatura CE delle Macchine

Cosa è la marcatura CE?

La marcatura CE, apposta sulle macchine industriali, è l'atto finale di un percorso che attesta la conformità delle macchine a tutte le direttive comunitarie applicabili.

Le direttive applicabili alle macchine industriali possono essere più di una, se vuoi entrare nel dettaglio di quali possono essere leggi il paragrafo finale di questa pagina.

La marcatura CE, intesa come targa, viene apposta fisicamente sulla macchina, ma è il passo finale di un percorso che ha l'obiettivo di garantire la sicurezza della macchina.

Infatti, come molti altri prodotti, anche le macchine industriali devono rispettare le disposizioni legislative vigenti nei paesi nei quali vengono commercializzate e messe in servizio.

L'applicazione delle direttive è supportato da numerose norme tecniche emanate da enti sovranazionali e nazionali (ISO, IEC, CEN, CENELEC, UNI, CEI, ecc.).

Per la macchina, progettata e costruita rispettando le direttive applicabili, viene infine redatta a cura del fabbricante una dichiarazione CE di conformità; la dichiarazione rimarrà valida per tutta la vita della macchina stessa e la accompagnerà nelle future transizioni commerciali.

Dove viene apposta la marcatura CE?

La direttiva 2006/42/CE prescrive che la marcatura CE sia apposta nelle immediate vicinanze del nome del fabbricante o del suo mandatario usando la stessa tecnica (per esempio se il nome del fabbricante è serigrafato oppure inciso dovrà esserlo anche la marcatura CE).

Se vuoi approfondire leggi anche questo articolo del blog.

Cosa contiene la targa della marcatura CE?

La targa della macchina, o comunemente etichetta per i prodotti, deve contenere in modo visibile, leggibile e indelebile, almeno le seguenti indicazioni:

  • ragione sociale e indirizzo completo del fabbricante e, se del caso, del suo mandatario,
  • designazione della macchina,
  • la marcatura CE (allegato III della direttiva 2006/42/CE),
  • designazione della serie o del tipo,
  • eventualmente, numero di serie,
  • anno di costruzione, cioè l'anno in cui si è concluso il processo di fabbricazione.

Marcatura CE delle macchine vecchie

Le macchine vengono marcate CE nel momento della loro immissione sul mercato o messa in servizio.

Se sono state immesse sul mercato o messe in servizio nel territorio italiano prima dell'entrata in vigore della direttiva macchine (21 settembre 1996) non è necessario che siano marcate CE.

Se vuoi leggere un articolo sulla storia della Direttiva Macchine, con tutte le date, lo troverai qui.

Per poter essere utilizzate le macchine devono però essere sicure, ovvero conformi ai requisiti dell'allegato V del D.Lgs. 81/2008. Se hai macchine vecchie non marcate CE, considera anche questo nostro servizio di verifica delle macchine in uso.

Se invece le macchine sono state immesse sul mercato o messe in servizio nel territorio italiano dopo l'entrata in vigore della direttiva macchine (21 settembre 1996) — e nessuno le ha mai marcate CE, per incuria o errore — possono essere marcate CE anche dall'utilizzatore.

In questo ultimo caso devono rispettare tutte le direttive applicabili valide al momento della marcatura CE e ciò spesso è molto difficile per questioni costruttive e relative ai componenti utilizzati per la fabbricazione.

Apposizione della marcatura CE: cosa possiamo fare per te

I nostri tecnici possono aiutarti per la marcatura CE delle macchine industriali che produci o usi, anche in caso di modifiche sostanziali.

Innanzitutto bisognerà individuare quali direttive sono applicabili e poi decidere il percorso più corretto, e semplice, per il loro rispetto.

La marcatura CE è un simbolo grafico che il fabbricante deve apporre sul prodotto per attestarne in modo facilmente riconoscibile da parte dell'acquirente la conformità alle direttive comunitarie ad esso applicabili.

Infatti l'apposizione della marcatura CE significa che il prodotto è conforme a tutte le direttive in cui ricade che prevedono tale marcatura, come indicato dal paragrafo 4 dell'articolo 5 della direttiva 2006/42/CE.

Le direttive applicabili alle macchine industriali

Direttive comunitarie di interesse per le macchine possono essere:

Eccetto la prima, ognuna delle seguenti, può essere applicabile alla macchina o meno in base alla caratteristiche della stessa; ad esempio la macchina rientrerà nel campo di applicazione della direttiva ATEX se è destinata a lavorare in atmosfere potenzialmente esplosive.

La nostra assistenza prevede anche la progettazione di specifici percorsi formativi del personale addetto allo sviluppo ed alla sicurezza dei prodotti.

Hai un dubbio, un problema o una domanda?

Parlane con noi e ci impegneremo per darti una risposta utile e puntuale.

Scroll to Top