La direttiva macchine 2006/42/CE richiede che la progettazione e la realizzazione della macchina ai fini della sua sicurezza siano opportunamente documentate in modo da tenere traccia del procedimento seguito e delle soluzioni adottate per la sua protezione. Questa documentazione può essere utilizzata per la dimostrazione della conformità della macchina ai requisiti delle disposizioni legislative applicabili e per successivo utilizzo su macchine simili.

La realizzazione del fascicolo tecnico, o della documentazione tecnica pertinente per le quasi -macchine, deve cominciare con l’inizio dell’ideazione e della progettazione della macchina e deve proseguire durante tutta la sua realizzazione fino al collaudo finale della macchina stessa (o del prototipo nel caso di macchine fabbricate in serie) e alla redazione della documentazione di accompagnamento della macchina (in particolare delle istruzioni per l’uso).

Il contenuto del fascicolo tecnico per le macchine è descritto nella lettera A dell’allegato VII della direttiva 2006/42/CE e deve comprendere, tra l’altro la:

documentazione relativa alla valutazione dei rischi che deve dimostrare la procedura seguita, inclusi:

  • un elenco dei requisiti essenziali di sicurezza e di tutela della salute applicabili alla macchina,
  • le misure di protezione attuate per eliminare i pericoli identificati o per ridurre i rischi e, se del caso, l’indicazione dei rischi residui connessi con la macchina.

I requisiti della direttiva macchine

Il fascicolo tecnico deve quindi contenere l’elenco dei requisiti essenziali di sicurezza e di tutela della salute dell’allegato I della direttiva 2006/42/CE applicabili alla macchina; è opportuno che vengano elencati tutti i requisiti essenziali contenuti nell’allegato I, specificando esplicitamente quando questi non sono applicabili.

Devono essere indicate nel fascicolo tecnico le misure adottate per eliminare i pericoli o per ridurre i rischi e gli eventuali rischi residui  rimanenti dopo l’adozione di tali misure.

E' opportuno che tali misure siano associate ai requisiti essenziali di sicurezza e di tutela della salute sopra citati, in modo da dimostrare come questi vengono soddisfatti adottando adeguati provvedimenti.

Qualora nella definizione delle misure di sicurezza vengano utilizzate norme, è opportuno che vengano citate: se le norme utilizzate sono armonizzate, l’aspetto trattato dalla norma gode dell’automatica presunzione di conformità ai requisiti della direttiva macchine coperti, quindi è sufficiente citare la norma — o i suoi punti — utilizzata come riferimento e descrivere come la macchina la soddisfa.

La mancata presentazione del fascicolo tecnico, o della documentazione tecnica pertinente, in seguito a una domanda debitamente motivata delle autorità nazionali competenti può costituire un motivo sufficiente per dubitare della conformità della macchina in questione ai requisiti essenziali di sicurezza e di tutela della salute della direttiva macchine, in quanto, in assenza del fascicolo tecnico, o della documentazione tecnica pertinente, il fabbricante non ha modo di dimostrare il rispetto da parte della macchina dei requisiti legislativi a essa applicabili.

Vuoi sapere di più sugli adempimenti per i costruttori di macchine? Acquista il nostro nuovo manuale tecnico su Amazon

VUOI SCARICARE IL CAPITOLO SULLA VALUTAZIONE DEI RISCHI DEL NOSTRO LIBRO SULLA DIRETTIVA MACCHINE?

Inserisci i tuoi dati per ricevere il file e rimanere in contatto con noi 
SCARICA IL FILE  ED ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER
A questo link potrai leggere tutte le info su come gestiremo la tua Privacy
Quadrasrl
close-link
Torna su